La carriera di Raffaele Marra

Raffaele Marra credit corriere.it

Raffaele Marra credit corriere.it

Inossidabile, ubiquo alle giunte, sempre a due passi dai potenti. Raffaele Marra è uno di quei funzionari cresciuto nell’ombra dei corridoi del Campidoglio, abile e scaltro a destreggiarsi tra determine e burocrazia. Ma soprattutto prontissimo a ingraziarsi politici e imprenditori per restare in sella in ogni stagione della travagliata vita politica capitolina. E così l’ex ufficiale della finanza è riuscito disinvoltamente a veleggiare dalla giunta di destra di Alemanno a quella dem di Marino, scivolare tranquillo sulle acque della reggenza del prefetto Tronca fino ad approdare al governo pentastellato targato Raggi. Di sé, forse per giustificare la parabola amplissima del percorso politico, diceva mesi fa: “sono lo spermatozoo che ha fecondato il Movimento 5 stelle“. Conoscitore della complessa macchina della burocrazia capitolina e dell’immensa giungla del potere e sottopotere romano, è riuscito ad entrare nel Raggio magico. Le intercettazioni restituiscono la sua preoccupazione maggiore, essere “uno che conta” e non finire dall’essere “il più potente al più coglione”.
—.

Share
Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi