La carriera di Raffaele Marra

Raffaele Marra credit corriere.it

Raffaele Marra credit corriere.it

Inossidabile, ubiquo alle giunte, sempre a due passi dai potenti. Raffaele Marra è uno di quei funzionari cresciuto nell’ombra dei corridoi del Campidoglio, abile e scaltro a destreggiarsi tra determine e burocrazia. Ma soprattutto prontissimo a ingraziarsi politici e imprenditori per restare in sella in ogni stagione della travagliata vita politica capitolina. E così l’ex ufficiale della finanza è riuscito disinvoltamente a veleggiare dalla giunta di destra di Alemanno a quella dem di Marino, scivolare tranquillo sulle acque della reggenza del prefetto Tronca fino ad approdare al governo pentastellato targato Raggi. Di sé, forse per giustificare la parabola amplissima del percorso politico, diceva mesi fa: “sono lo spermatozoo che ha fecondato il Movimento 5 stelle“. Conoscitore della complessa macchina della burocrazia capitolina e dell’immensa giungla del potere e sottopotere romano, è riuscito ad entrare nel Raggio magico. Le intercettazioni restituiscono la sua preoccupazione maggiore, essere “uno che conta” e non finire dall’essere “il più potente al più coglione”.
—.

Share

arrivano le barriere anticamion

Milano barriere anticamion

Milano barriere anticamion

Dopo l’attentato di Berlino, il prefetto di Milano ha riunito in sessione straordinaria il Comitato Provinciale di Ordine e Sicurezza Pubblica. Al termine si è deciso di rafforzare i pattugliamenti nelle zone dei mercatini e centrali della città ( San Babila, Duomo, corso Vittorio Emanuele e il Castello Sforzesco) e di utilizzare “difese passive” attraverso ostacoli fissi che evitino il passaggio di camion. Al tavolo ha partecipato anche il vice console della Germania a Milano: “Siamo scioccati da quello che è successo a Berlino, ci ha fatto molto bene la solidarietà del prefetto” ha detto uscendo dal vertice

(di Giulia Costetti)

LEGGI SU REPUBBLICA.IT

Share

Ruvo, strage di animali nel presepe vivente

Ruvo strage animali

Ruvo strage animali

Hanno fatto entrare i cani per uccidere Sono stati sbranati dai cani, ma qualcuno ha aperto il recinto favorendone l’ingresso. Ci sarebbe la mano dell’uomo nella mattanza del presepe a Ruvo di Puglia, dove ventuno galline e cinque conigli sono stati trovati morti all’interno dell’allestimento di piazza Le Monache. Tina Caldarola, moglie di Vincenzo, ideatore del presepe, ha subito notato l’anomala presenza di cani all’interno del recinto e racconta: “Così li hanno fatto entrare per uccidere”

Share

Affetti banditi: sesso e famiglia dietro le sbarre

affetti banditi dietro Sbarre

affetti banditi dietro Sbarre

Se ci fanno perdere la famiglia, chi esce da qui non ha nessun interesse ad essere una persona migliore”. La battaglia dei detenuti per ottenere telefonate e colloqui. Anche quelli intimi: “Ci sarà il sesso? L’astinenza è una tortura aggiuntiva”. Lo psichiatra del carcere: “Privare dell’affettività è dannoso”. La settima puntata della serie prodotta da Repubblica Tv e Visualdesk in collaborazione con l’Associazione Antigone

Share